VodooDesigner Profile
Livia Lazzari for Voodoo Jewels

Romana doc, Livia Lazzari nasce nel 1987 a Roma. Dotata di grande immaginazione e manualità,  sin da piccolissima manifesta una grandissima passione per i gioielli, stimolata anche dall’ambiente in cui cresce. Ha frequentato l’istituto Europeo di Design, ed è fondatrice del brand Voodoo Jewels, un progetto che ha un legame molto intimo con la Natura. Ogni collezione infatti nasce dallo studio di uno stato naturale e dall’interazione che l’uomo, o le altre forme viventi, hanno con questo. Come nelle culture tribali, in cui gli oggetti sono investiti di qualità magiche e creano un legame tra la dimensione umana e gli spiriti della natura, allo stesso modo i Voodoo Jewels sono il tramite tra una realtà terrena e un mondo incantato. L’estrema matericità di ogni oggetto comunica un senso di autentica artigianalità. Nel riprodurre le formi della Natura, la volontà è quella di creare tra queste e chi le indossa un legame intenso. Un coinvolgimento emotivo che va oltre l’aspetto estetico.Ciò che da sempre l’affascina del mondo dei gioielli, è la valenza simbolica degli oggetti: la storia e il significato che ogni monile porta con sé. L’attrazione per il processo creativo è invece quello che l’ha spinta a diventare un’artigiana. Il fatto di poter dare vita a qualcosa, farlo nascere dal lavoro delle sue mani. Se dovesse definire oggi, il suo stile, Rough luxury è la risposta: oggetti materici e di forte impatto visivo, ma resi preziosi dalla capacità artigianale, che dona ai gioielli un carattere unico. Quest’ultimo è dato da più fattori, quello più recente, consiste nell’aggiunta di colore, grazie a quali i suoi  gioielli sono un trait d’union tra uno stile più glamour e femminile e uno stile edgy e d’avanguardia, che rimane costate per la ricerca di forme e texture. Nei suoi progetti futuri, ambisce a portare avanti il suo progetto al meglio. Strutturarlo in maniera sempre più solida, lavorando sulla comunicazione del brand e continuando costantemente a portare avanti il processo di ricerca, per mantenere lo stile dei suoi prodotti unico e distintivo.


 

forteDesigner Profile
Laura Forte for Laura Forte contemporary Jewels

Laura Forte nasce a Copertino nel 1982. Amante dell’arte in generale, per Laura l’oreficeria ha sempre occupato il primo posto, poiché veicolo di scambio tra arte e passione. Studia a Lecce presso una scuola di Arte Orafa Applicata, e proseguendo poi gli studi all’Ente di formazione IRIGEM, Rosà (Vi). Qui ottiene il diploma di qualifica come orafo-incastonatore. Frequenta diversi stage, tra cui “GRASER Gioielli”, prestigiosa gioielleria situata nel cuore di Bassano del Grappa e “MF” di Fernando Bonamigo laboratorio orafo a Rosà, con svolgimento del lavoro di oreficeria e modellazione a banco. Segue un corso di formazione superiore in gemmologia. Lavora in una ditta orafa, TRE ESSE gioielli a Nove (Vi). Nel 2005 apre nella sua città di origine il proprio laboratorio, lavorando a oggi come Orafo Incastonatore. Per quanto riguarda il suo stile, è sicuramente minimalista ma portato all’estremo; i suoi gioielli infatti hanno come filo conduttore l’essenzialità e l’unicità. Ama definirsi una creativa intuitiva, trae ispirazione dalla sua emotività, rispetto a ciò che la circonda ed è sempre in continua evoluzione. Ma ad una cosa non sa rinunciare: le forme geometriche, che predilige fortemente.


 

coro

Designer Profile
Costanza De Cecco e Giulia Giannini for Co.Ro Jewels

Costanza De Cecco e Giulia Giannini, si sono avvicinate al mondo della gioielleria durante il primo anno di università, iscrivendosi alla facoltà architettura, la quale richiede tempo e un iter molto lungo. Loro piuttosto sentivano il bisogno di realizzare anche qualcosa di più personale e concreto. Costanza decide così di frequentare il corso di design del gioiello all’Accademia di Costume e Moda e di Roma e Giulia Giannini ha preso parte ad alcuni corsi per imparare la modellazione della cera persa, corsi che tra l’altro, hanno poi anche frequentato successivamente insieme. All’inizio un po’ per gioco poi per passione, iniziano a creare dei gioielli e dopo poco tempo, ecco il primo riscontro: le amiche, desiderose di acquistare i loro pezzi! Co.Ro é nato così, con molta naturalezza, non come un cosciente progetto imprenditoriale, ma proprio come un sogno di due grandi amiche con la passione per la creatività. Finita l’università hanno lavorato in una grande azienda del settore come designer, migliorando le loro capacità e soprattutto  apprendendo come funzionasse una società . Nessuna delle due ha alle spalle tradizioni familiari che hanno a che fare con il mondo del gioiello, rafforzando così implicitamente ancora di più, il valore di Co.Ro. Quando disegnano le loro creazioni, in primo piano vi é lo stupore e l’emozione, poi il pensare a dei pezzi unici mai visti prima, ma allo stesso tempo portabili. Qui subentra la formazione di architetti, che fornisce un valido aiuto nella ricerca della forma attraverso un continuo controllo delle proporzioni, della spazialità, dei volumi e del vuoto, supremo protagonista delle nostre collezioni. Per il futuro hanno grandi progetti, in primis quello di far crescere il loro brand insieme, continuando a disegnare e realizzare gioielli con passione senza scendere a compromessi di tipo commerciale o etico. Non è loro intenzione produrre fuori dall’Italia o con materiali non certificati, questo infatti è uno dei punti cardine dell’azienda Co.Ro, proprio in riferimento al team di artigiani che si cela dietro ogni creazione.  “Non abbiamo fretta di arrivare, siamo molto felici perché abbiamo la fortuna di amare profondamente il nostro lavoro e di poterlo fare insieme.”


 

boccaDesigner Profile
Giulia Boccafogli

Giulia Boccafogli, creativa sin da piccolina si avvicina al mondo del gioiello sin da subito, in maniera pur sempre graduale. All’inizio infatti nasce come hobby, un passatempo come un altro finché non scatta qualcosa. Ad un certo punto realizza che non solo questo mondo le piaceva, ma che tutto sommato nella sua testa e le sue mani creavano cose bizzarre ma “giuste”. Quando inizia l’università a Firenze, questa passione c’è già e gli studi in architettura hanno fatto il resto, facendo crescere in lei la voglia di applicare la progettazione anche al suo “passatempo”. Nel 2006 si laurea in tecnologia e design e inizia subito a lavorare come architetto, ma dopo poco ha voluto affiancare alla professione anche l’attività legata alla creazione di gioielli che porta avanti quindi in modo professionale dal 2008 ma a tempo pieno solo dal 2012, anno in cui decide che quella e solo quella sarebbe stata la mia strada. In tutto ciò la tradizione di famiglia ha influito tantissimo: suo padre è ingegnere, quindi un progettista, sua nonna era una sarta di alta moda e parte della sua famiglia lavorava nel mondo della calzatura artigianale e dei pellami. Per questo nel suo lavoro ci sono la passione per il progetto, quindi grande coerenza formale, e la grande cura per le tecniche artigianali di lavorazione; per questo motivo ho scelto la pelle come mia materia. Nel tempo, pur mantenendo integre queste caratteristiche, ha sviluppato un gusto ed un stile molto personali: uno stile a metà tra la moderna decadenza, caratterizzato da onde, drappeggi e linee morbide, ed il tribale, con sottili, soffusi richiami fetish. Le ispirazioni possono arrivare da ogni cosa che colpisca la sua attenzione. Spesso sono i viaggi che l’aiutano a trovare nuove idee ma altrettanto spesso le idee si insinuano lentamente e diventano chiare col tempo. Di certo c’è sempre una doppia ispirazione: una molto intima e privata e una più oggettiva e “raccontabile”; di certo attingendo dal suo immaginario personale, spesso ci sono tematiche ricorrenti che però cerca di interpretare sempre in modo diverso. Le piace rinnovarsi e non porsi limiti. Proprio per questo tende a non pianificare troppo il futuro. Ha come unico vero progetto futuro, quello di poter continuare a fare questo mestiere che tanto  l’appassiona e la rende felice.


 

toiDesigner Profile
Mara De Longis for Toi et Moi

Mara De Longis si diploma come designer di accessori nel 1996 allo IED di Roma, indirizzo Moda, e di cui oggi, ironia della sorte, ne è proprio la direttrice. Provenendo da una famiglia di avvocati, il suo approccio alla moda, e quindi il desiderio di studiarla in maniera “ravvicinata”  non è all’inizio ben accetta. Il giudizio cambia non appena Mara, porta a casa i primi successi, dimostrando le sue capacità e regalando grandi soddisfazioni. Toi et Moi nasce nel 2008 grazie a lei, la quale oltre ad esserne la fondatrice, disegna tutti i modelli del brand. I gioielli di Toi et Moi, sono un mix di sapiente ricerca di trends e lo sviluppo costante di materiali all’avanguardia. Si capisce quindi che il vero intento è quello di creare qualcosa di autentico, che prescinda i canoni estetici classici, e che sia in continua evoluzione e aggiornamento. Andare oltre sempre e comunque. Le sue collezioni racchiudono perfettamente le sue ispirazioni, e anche un po’ di sé stessa, raccontando storie, passioni e viaggi. Unica, ricercata e updated, questa la donna di Toi et Moi, che esprime perfettamente l’immagine del brand.


 

Designer Profilebaro
Flaminia Barosini

Eclettica designer romana, Flaminia si diploma nel 2010 presso lo IED di Roma in Design del Gioiello all’Istituto Europeo di Design e prosegue poi i suoi studi presso la celeberrima Saint Martin School, che come sappiamo non ha bisogno di presentazioni. Alla fine dello stesso anno prende forma la sua prima collezione, Irregular, seguita poi da Second Skin, Creepers e infine Synapses, la collezione 2016 presentata a Parigi durante l’ultima edizione del prestigioso Tranoi Femme: una riflessione dettata dal fascino neuroestetico delle linee pure, che segna un vero punto di svolta e maturità nello stile della designer. in ciò che fa, Flaminia realizza sin da subito delle vere e proprie sculture, opere uniche e dallo stile inconfondibile. Gioielli, sono frutto dell’incontro tra artigianalità, e ricerca, fondamentale per chi, come lei ritiene che il dettaglio faccia sempre la differenza. Il gioiello, da sempre, è simbolo di uno status o di un modo di essere e dietro ha un universo di significati che oggi forse si sono un po’ persi. Chiara invece, la sua ispirazione strettamente legata al mondo naturale, insieme alla predilezione per determinati materiali: ottone, bronzo e argento. Per le sue creazioni, la Barosini si rivolge ad una donna che ama sperimentare più stili, disposta a alternare e mixare con audacia, e a seconda delle occasioni, alta gioielleria e gioielli d’autore.